“Casa di Frontiera” di Gianfelice Imparato

casadifrontiera

Milano 2013, prossimo futuro, l’Italia oramai non c’è più, nate la Repubblica del Nord e la Repubblica del Sud. Tutti i meridionali rimasti in “Padania” sono ghettizzati in riserve, sottoposti a stretta sorveglianza e seguiti da assistenti sociali che hanno il compito di rieducarli alla lingua ed al modus vivendi del Nord. Gennaro Strummolo, che vive e lavora nella capitale Milano, tenta in tutti i modi di integrarsi truccando i suoi evidenti ed inequivocabili natali, al punto di usare una parrucca bionda, vestire alla tirolese e milanesizzare il nome in “Genny Strumm”. La situazione  non è facile, la sorella Addolorata, non intende rinunciare alle sue origini, abitudini, usanze e cosa assai più grave, frequenta un fidanzato  balordo e inguaribile napoletano.  Il suo destino è perciò segnato: rifiutato al Nord, collaborazionista spregevole per i “compatrioti”.